Maroc Xraid 2016 - Piloti - Rally dei Faraglioni

Last update:

Telegram
Vai ai contenuti

Maroc Xraid 2016 - Piloti

Faraglioni 4 Africa
MAROC XRAID 2016 - I PILOTI

Scopriamo insieme i protagonisti di questa grande avventura

Rally dei Faraglioni
Diego alias DIEGHINO
Classe 1979
Pilota di comprovata esperienza è considerato il motociclista totale infatti guida con agilità e destrezza qualsiasi tipo di moto. Detto anche
"il Pilota Emozionale" o "il Pasdaran" è ormai da una decina di anni che frequenta il mondo Faraglioniano. Nel suo curriculum può vantare anche la partecipazione a qualche campionato regionale enduro Piemonte nella scuderia Sherco. Alla sua prima esperienza africana è andato oltre ogni migliore aspettativa.
Grande resistenza fisica e psicologica lo hanno portato sino alla fine senza perdere un colpo.
Da grande ministro degli esteri in carica nella contea di Ortus de Mari è stato sempre pronto a socializzare con tutte le persone incontrate in viaggio. Poliglota di natura,parla qualsiasi lingua e se ancora non la conosce la inventa.
Ormai abbiamo capito che il mal d'Africa ha colpito anche lui e sicuramente lo vedremo ancora protagonista di prossime avventure Africane.


Rally dei Faraglioni
Paolo alias IL SINDACO
Classe 1966
Alla sua settima spedizione Africana,ormai è un veterano dei deserti. L'uomo che vive i viaggi due volte,prima li prepara dalla navigazione alla logistica e poi li vive sul campo. In Marocco alla quinta esperienza,ha tracciato un raid veramente impegnativo perchè la ricerca del "Point Break" è innata in lui. L'Africa la considera il suo amore perfetto e ci ritorna spesso anche se ogni tanto porta dolori: tre costole rotte ed una clavicola spezzata in due raid differenti.
Se vuoi il massimo devi essere pronto a pagare il massimo.....deve essere bello morire facendo quello che ami!!!. Questa frase è il suo cavallo di battaglia perchè sa benissimo che se l'Africa ti dà
tanto devi essere pronto anche a pagare tanto.
La sua malattia è iniziata nel 2005 e siamo sicuri che in Africa ci tornerà ancora tante volte perchè la sfida per lui è sempre aperta.




Torna ai contenuti